Il nostro sito

Il nostro sito
Per info o richieste musicali 380 2399151 (+39)

lunedì 22 maggio 2017

Il fonografo, il microsolco e... l'acqua



La nuova puntata di "Dal fonografo al microsolco" è dedicata all'acqua. 

Tra le canzoni che Sandro Alba e Massimo Baldino ci faranno ascoltare, troviamo "Acquerello napoletano", "Due gocce d'acqua" di Nilla Pizzi e "Acqua di mare" di Romina Power.

Vi aspettiamo... gira voce che a qualcuno toccherà anche un gavettone... (ma forse sono solo battute).

La trasmissione va in onda:

- martedì alle 10
- mercoledì alle 14:30
- giovedì alle 18
- venerdì alle 21



domenica 21 maggio 2017

Beppe Montagna ospite di Giacomo Schivo




L'ospite di Giacomo Schivo, nella sua "Clessidra", è il fisarmonicista Beppe Montagna. 



La trasmissione va in onda:

- lunedì alle 18
- martedì alle 21
- venerdì alle 10
- sabato alle 14:30

www.ildiscobolo.net
http://178.32.137.180:8555/stream

Gibran e Rimbaud nella notte di Radio Il Discobolo



[...] se sbocciasse un fiore ogni volta che ti penso,
ogni deserto ne sarebbe pieno... [...] 


Sono versi di "Ti amo terribilmente", la poesia di Kahil Gibran che verrà letta questa sera, domenica 21, dal "Randagio on the air" Luca Fagioli.

"Alba", di Arthur Rimbaud, è invece la lettura di lunedì 22.


"Randagio On The Air" vi aspetta alle 22:50.

sabato 20 maggio 2017

La grande prosa: La signora delle camelie



"La signora delle camelie", di Alexandre Dumas figlio è l'opera che andrà in onda questa settimana, domenica e lunedì alle 21.

Nato come romanzo, edito nel 1848, ha ispirato diverse opere cinematografiche e l'opera "La Traviata" di Giuseppe Verdi. 
Il libro parla della difficile e infelice storia d'amore tra Margherita, la cortigiana più bella di Parigi, e Armando Duval.

La versione che verrà trasmessa è del 1960 ed è interpretata da Lilla Brignone, Romolo Valli e Giulio Borsetti. 

www.ildiscobolo.net


Varietà varietà, riascolteremo i Marcellos Ferial

Paolo Panelli, Sandra Mondaini e Raimondo Vianello, Renato Rascel, Aldo e Carlo Giuffrè,Rina Morelli e Paolo Stoppa; Dalida, Massimo Ranieri, Fred Bongusto, Carmen Villani, Mal, I Marcellos’ ferial; le orchestre dirette dai maestri Pippo Barzizza e Marcello de Martino.

Questi i protagonisti della nuova puntata di Varietà Varietà. 


La trasmissione va in onda:

- domenica alle 10
- sabato alle 18

WikiRadio Oggi, gli appuntamenti della settimana



Wikiradio oggi, gli appuntamenti dei primi giorni della nuova settimana. 
Vi aspettiamo ogni giorno alle 11:30.

Domenica 21: L'attentato alla Pietà. 
Il 21 maggio 1972 il geologo australiano di origine ungherese Lazlo Toth colpì ripetutamente la "Pietà" di Michelangelo a martellate. L'uomo, alle 11:30 del mattino, prese a martellate la statua della Madonna, lasciando intatto il Cristo, urlando "Io sono Cristo". Venne internato in manicomio per due anni e in seguito rimpatriato in Australia, dove morì nel 2012 all'età di 63 anni.

Lunedì 22: Don Andrea Gallo.
Il prete di strada, grande amico di Fabrizio de André e Nanda Pivano, morì il 22 maggio 2013, dopo una vita passata accanto agli ultimi, ai reietti e agli emarginati. 


Martedì 23: Andrea Pazienza.
Il celebre pittore e fumettista nacque a San Benedetto del Tronto il 23 maggio 1956 e morì a Montepulciano il 16 giugno 1988. 


Mercoledì 24: Il ponte di Brooklin.
Uno dei ponti più famosi al mondo: venne inaugurato il 24 maggio 1883, dopo 13 anni di lavori. 

www.ildiscobolo.net
http://178.32.137.180:8555/stream

La strage di Debra Libanos a Wikiradio Oggi

(Foto Owen Barder)

Sabato 20 maggio alle 11:30, Wikiradio Oggi: la strage di Debra Libanos.

Ricorderemo la strage di monaci e laici etiopi del 21 maggio 1937; l'attacco fu ordinato dal vicerè Rodolfo Graziani, in seguito a un attentato contro di lui.
Secondo i telegrammi inviati a Mussolini furono uccisi 297 monaci e 23 laici, ma dati non ufficiali parlano di migliaia di vittime.

www.ildiscobolo.net
http://178.32.137.180:8555/stream

giovedì 18 maggio 2017

Randagio On The Air, i prossimi appuntamenti



Arriva alla sera tardi e ci accompagna verso la notte con la sua voce... è il nostro Luca Fagioli con la sua "Randagio on the air"... vediamo le prossime letture.

Giovedì 18: "La forza dell'amore" di Eugenio Finardi.

Venerdì 19: "Le cose che ho imparato", poesia di Paulo Cohelo

Sabato 20: "Parole orfane"

"Randagio on the air" va in onda ogni sera alle 22:50



mercoledì 17 maggio 2017

WikiRadio Oggi, Ian Curtis e Leopoldo Fregoli



I prossimi appuntamenti con WikiRadio Oggi, in onda ogni giorno alle 11:30.

Giovedì 18: Ian Curtis.
Ian Kevin Curtis, cantautore britannico, paroliere del gruppo musicale Joy Division, di cui nel 1977 a Manchester fu anche uno dei fondatori, morì suicida il 18 maggio 1980 all'età di 24 anni.


Venerdì 19: Leopoldo Fregoli 
Attore, sceneggiatore, regista, ma soprattutto trasformista: stiamo parlando di Leopoldo Fregoli (1867-1936), artista famoso per la sua abilità nel trasformarsi in vari personaggi durante i suoi spettacoli. Per lui è stato coniato il termine fregolismo ed è addirittura citato in una malattia psichiatrica: si parla di sindrome di Fregoli riferendosi al delirio di persecuzione da parte di un individuo che, ogni volta, appare con una fisionomia diversa.

martedì 16 maggio 2017

Jean Gabin a WikiRadio Oggi




Jean Gabin sarà il protagonista della puntata di Wikiradio Oggi in onda mercoledì 17 maggio alle 11:30.

Nato il 17 maggio 1904 e morto il 15 novembre 1976, Jean Gabin è stato uno degli attori più rappresentativi della storia del cinema francese. 
Proveniva dal teatro e dall'operetta ed è stato un grande rappresentante della scuola realista. 





lunedì 15 maggio 2017

Randagio On The Air, nuove letture a cura di Luca Fagioli



Vi presentiamo i prossimi appuntamenti con le letture notturne di Luca Fagioli per la trasmissione "Randagio On The Air", in onda ogni sera alle 22:50.

Martedì 16: "Ninna nanna" di Trilussa.
La celebre filastrocca contro la guerra è stata messa in musica da Claudio Baglioni.


Mercoledì 17: "Quando tu sarai vecchia", di William Butler Yeats, poeta e drammaturgo irlandese, Premio Nobel per la Letteratura nel 1923.


Pausa caffè... con WikiRadio Oggi



La macchina del caffè è un oggetto di uso comune, al giorno d'oggi.
Sono moltissimi gli italiani che la preferiscono alla moka e ve ne sono di tutti i tipi e colori.

Ma quando è nata?
Il 16 maggio 1884, a Torino: viene brevettata da Angelo Moriondo. 

Ne parlerà WikiRadio Oggi di martedì 16 alle 11:30.



Severino Gazzelloni a "Un secolo fa"



Il musicista italiano Severino Gazzelloni, nato nel 1919 e scomparso nel 1992, è il protagonista dell'intervista di "Un secolo fa...".

Laziale di Roccasecca, figlio di un musicista, ha iniziato suonando nella banda del paese. Si diploma nel 1942 all'Accademia di Santa Cecilia e, in seguito, entra nell'orchestra sinfonica della Rai di Roma. 

Riusciva a spaziare dalla musica classica a quella leggera e popolare: dotato di grande abilità e versatilità, è stato soprannominato "flauto d'oro". 

L'intervista andrà in onda:

- martedì alle 18
- giovedì alle 10
- venerdì alle 14:30

www.ildiscobolo.net
http://178.32.137.180:8555/stream

Dal fonografo al microsolco, un ricordo di Mino Reitano



Nella puntata di questa settimana di "Dal fonografo al microsolco" ascolteremo alcuni dei dischi aggiunti più recentemente nel nostro archivio tra cui "Viole" di Dea Garbaccio, "Un'ora sola ti vorrei" nella suggestiva versione di Piero Pavesio; e ancora, a proposito di brani di successo, "Arcobaleno" nell'interpretazione di Laura Barbieri... e non finisce qui! Abbiamo, infatti, una singolare versione di "Besame mucho" con Pippo Starnazza e, al termine, un bel ricordo di Mino Reitano.

Massimo Baldino e Sandro Alba vi aspettano:

- martedì alle 10
- mercoledì alle 14:30
- giovedì alle 18
- venerdì alle 21


domenica 14 maggio 2017

Veronica Seriani ospite di Giacomo Schivo



Veronica Seriani questa settimana sarà ospite di Giacomo Schivo per la trasmissione "La clessidra".

Cantante, speaker radiofonica e conduttrice televisiva, è la cantante ufficiale dell'orchestra di Beppe Montagna.




- Lunedì alle 18
- Martedì alle 21
- Venerdì alle 10
- Sabato alle 14:30

www.ildiscobolo.net
http://178.32.137.180:8555/stream

Randagio On The Air, Garcia Lorca e Pessoa



Domenica 14: Ci sono anime, Federico Garcia Lorca.
Una poesia del 1920 dell'autore spagnolo, uno degli appartenenti alla generazione del '27.
Si schiera a favore delle forze repubblicane e probabilmente per questo viene ucciso da nazionalisti franchisti nel 1936.

Lunedì 15: Asilo dentro di me, Fernando Pessoa.


Tutto questo a "Randagio on the air", a cura di Luca Fagioli, in onda alle 22:50.


sabato 13 maggio 2017

Varietà Varietà, la nuova settimana



Ugo Tognazzi, Renato Rascel, Delia Scala, Rina Morelli, Giuliana Lojodice, Aroldo Tieri, Nino Manfredi, Walter Chiari e Alida Chelli; Fausto Leali, Roberto Soffici, Gianni Nazzaro, Gli Abba, Domenico Modugno, Neil Sedaka e le orchestre dirette dai maestri Pippo Barzizza e Marcello de Martino sono i protagonisti della nuova puntata di Varietà Varietà.

Collage di sketch e brani musicali del secolo scorso, Varietà Varietà è una bella occasione per riascoltare protagonisti dei tempi passati, passando del tempo tra sorrisi e malinconia. 
Vi aspetta:

- domenica alle 10
- sabato alle 18

La grande prosa: Ionesco e Pirandello

Domenica e lunedì alle 21 va in onda la grande prosa sulle frequenze di Radio Il Discobolo. 



Domenica 14 vi proponiamo "Sicario senza paga", commedia in tre atti di Eugène Ionesco degli anni Sessanta. La versione proposta è del 1971 ed è interpretata da Giulio Bosetti e Giulia Lazzarini.

Lunedì 15 trasmetteremo "La giara", commedia di Luigi Pirandello in atto unico, ripresa nel 1916 da una novella omonima scritta 10 anni prima. La trasmettiamo in una versione del 1965, con protagonisti Turi Ferro e Umberto Spadaro. 

WikiRadio Oggi, il Piccolo Teatro e Rita Hayworth



I prossimi appuntamenti con WikiRadio Oggi, in onda ogni giorno alle 11:30.

Domenica 14: Il Piccolo Teatro di Milano.
Il primo Teatro Stabile italiano, dichiarato nel 1991 Teatro d'Europa per Decreto Ministeriale, venne costruito nel secondo dopoguerra e inaugurato il 14 maggio 1947 con L'albergo dei poveri di Maksim Gor'kij.

Lunedì 15: Rita Hayworth.
Margarita Carmen Cansino, cantante, attrice e ballerina statunitense, morì il 14 maggio 1987 all'età di 69 anni. 


giovedì 11 maggio 2017

L'assassinio di Giorgiana Masi a Wikiradio Oggi

(Giorgiana Masi, foto del documento d'identità)

Il 12 maggio 1977 venne uccisa, durante una manifestazione di piazza, la studentessa diciottenne Giorgiana Masi.

Erano quasi le 20 quando la ragazza, assieme al fidanzato, si trovava in Piazza Giuseppe Gioachino Belli. A seguito di una manifestazione (pacifica) organizzata dal Partito Radicale, erano scoppiati violenti scontri tra le forze dell'ordine e i manifestanti, a cui si erano aggiunti membri della sinistra extraparlamentare.
Giorgiana venne improvvisamente colpita all'addome da un proiettile: inutile la corsa in Ospedale.

Due le ipotesi: "fuoco amico" (come sostenuto da Francesco Cossiga, all'epoca Ministro dell'Interno) oppure forze dell'ordine in borghese. 
La verità non è mai venuta fuori anche se anni dopo la morte della studentessa Francesco Cossiga dichiarò che era a conoscenza di chi avesse ucciso la Masi, ma di non volerlo dire pubblicamente. 

Ogni anno, il 12 maggio, Giorgiana  viene ricordata con manifestazioni; a 40 anni dalla morte, la giovane sarà ricordata anche da Wikiradio Oggi venerdì 12 alle 11:30.


"Anna Magnani. Un'attrice dai mille volti tra Roma e Hollywood". Un libro di Barbara Rossi

(Foto inlomitrust)

Barbara Rossi, appassionata di cinema, docente, ha scritto un libro su  Anna Magnani, concentrandosi soprattutto sul breve periodo hollywoodiano dell'attrice italiana.

Intervista (a cura di Claudia Bertanza)

- Perché un libro sulla Magnani?
- Il mio amore per l'attrice è nato parecchi anni fa, da ragazzina, grazie a un nonno che amava molto il cinema e con il quale guardavo moltissimi film, principalmente western, ma non solo, anche le commedie italiane degli anni Cinquanta. E ho iniziato lì ad amare Anna Magnani; è stato prima di tutto un fatto emotivo, istintivo. Mi piaceva quest'attrice, mi piaceva come era pettinata, mi piaceva come si muoveva... Poi sono cresciuta e ho iniziato a vedere altri film, come "Roma città aperta" o "Bellissima" e ho voluto cercare di capire che attrice sia stata, al di là dei moltissimi ruoli che ha interpretato. E soprattutto ho voluto saperne di più sul periodo americano, che è poco raccontato, ma che invece è ricco di aneddoti interessanti. Il mio libro vuole essere un punto di partenza, uno spunto per capire come mai a un certo punto un'attrice così amata ha deciso di lasciare l'Italia. E lì, in quei pochi film (tre in tutto) stanno le risposte, c'è una Magnani diversa da quella che avevamo conosciuto in Italia (la popolana, la mamma...).

- Perché la Magnani decide, a un certo punto, di andare in America?
- Perché si sentiva costretta nei soliti ruoli che le offrivano, come quello della mamma. Le sue, però, erano sempre maternità tragiche, non risolte. Anna voleva mostrare un volto diverso, ricoprire altri ruoli... e questo, forse, le è riuscito solo in parte. Altro ruolo stereotipato era quello della popolana, con il quale tutti noi la abbiamo amata e che la caratterizza ancora, anche come donna, nonostante lei non fosse così: ci teneva a dire che aveva studiato, frequentato il Conservatorio, la scuola di recitazione. Ed era una persona colta, le piaceva leggere, informarsi.

- Il periodo americano, però, è durato poco. Perché?
- Prima di tutto, bisogna ricordare che lei non è mai stata "americana" fino in fondo. In questo periodo, durato 4-5 anni, lei andava e veniva, non si è mai ambientata completamente nella realtà americana, anche per i ritmi di lavoro. Lei aveva ritmi più lenti, più rilassati, non era fatta per stare sul set secondo gli orari americani. Per quanto riguarda i ruoli, lei diceva che l'unica volta in cui, sul set, si era sentita libera, non costretta, era stato nel primo film girato, "La rosa tatuata", di Mann, per il quale, prima attrice italiana, vinse l'Oscar. In seguito si trovò nuovamente costretta in ruoli stereotipati, come quello della migrante. Non è riuscita, alla fine, a dare di sé un'immagine diversa. 

- Secondo te, la Magnani poteva dare di più? 
Secondo me sì, sicuramente. Il mondo del cinema, a un certo punto, l'aveva messa su un piedistallo, la adorava, ma la voleva solo nei ruoli già detti. Poteva dare di più sia in Italia, sia in America, se solo fosse stata lasciata più libera di esprimersi. Secondo me la Magnani non è stata solo una grande artista di teatro e di cinema, io penso sia stata veramente un'artista completa. Mi ha colpito molto leggere un'intervista rilasciata in America dopo il successo del film "La rosa tatuata", in cui lei afferma che le sarebbe piaciuto fare la regista. Aveva un grosso senso dello spettacolo, conosceva tutti i meccanismi. Per farsi un'idea di questo basta leggere i fitto carteggi tra l'attrice, i registi e i produttori, in cui lei dà consigli sul montaggio delle scene, per esempio, perché sapeva come avrebbe funzionato una scena, quanto fossero diversi teatro e cinema. E sappiamo che si arrabbiò molto quando i suoi consigli furono ignorati. 

- Chissà cosa avrebbe fatto, come regista...
- Domanda interessante, l'ho pensato anch'io... chissà cosa avrebbe fatto? Resta purtroppo un vuoto. 

- Oltre ad aver spulciato gli archivi, hai anche incontrato le persone che hanno conosciuto la Magnani?
- Sì, ho incontrato Luca, l'amatissimo figlio di anna. Luca è una persona molto riservata, così come lo era la mamma e vorrebbe che si parlasse più della Magnani attrice e meno della Magnani donna, che è stata spesso al centro di quello che oggi chiameremmo "gossip", per i suoi amori tormentati. 

- Hai un film del cuore di Anna Magnani?
- Sono molto legata al terzo film della sua avventura americana, "Pelle di serpente" di Sidney Lumet, in cui lei recita accanto a Marlon Brando. I due non andavano d'accordo, ma furono legati da reciproca stima fino alla fine. Poi, ovviamente, ho sempre nel cuore, come tutti gli italiani, quella corsa dietro alla camionetta in "Roma città aperta". 

La presentazione di sabato 6 maggio alla libreria "LIBeRI TUTTI", La Spezia.


mercoledì 10 maggio 2017

La spedizione dei mille a WikiRadio Oggi



La spedizione dei Mille fu l'episodio cruciale del Risorgimento. Avvenne nel 1860 quando un migliaio di volontari, al comando di Giuseppe Garibaldi, partì nella notte tra il 5 e il 6 maggio da Quarto, nel territorio del Regno di Sardegna alla volta della Sicilia, nel Regno delle Due Sicilie.

Lo scopo della spedizione fu di appoggiare le rivolte scoppiate nell'isola e capovolgere il governo borbonico. I volontari sbarcarono l'11 maggio presso Marsala e, grazie al consenso di larga parte della popolazione locale, si rafforzarono e mossero verso nord, aumentando di numero anche per lo sbarco di altre spedizioni garibaldine.

Dopo una serie di battaglie vittoriose contro l'esercito borbonico, i volontari riuscirono a conquistare tutto il Regno delle Due Sicilie permettendone l'annessione al nascente Stato italiano.


Wikiradio Oggi, giovedì 11 maggio, ore 11:30




Randagio On The Air: Pedro Salinas, Ernesto Guevara e Cesare Pavese



"Randagio on the air" va in onda ogni sera alle 22:50. 
Vi presentiamo le prossime letture a opera di Luca Fagioli.

- Mercoledì 10: Non ho bisogno di tempo, Pedro Salinas.
"Conoscersi è luce improvvisa" scrive il poeta spagnolo, appartenente alla Generazione del '27 (gruppo di autori spagnoli che si fece conoscere nel panorama culturale spagnolo intorno all'anno 1927, con l'onore che fu tributato al poeta Luis de Góngora nell'Ateneo di Siviglia, al quale partecipò la maggioranza di coloro che abitualmente si considerano suoi membri. L'ultimo membro vivente del gruppo era Pepín Bello, morto nel 2008).

- Giovedì 11: Spogliati, Ernesto Guevara.
Il famoso guerrigliero argentino, ucciso in Bolivia nel 1967 a soli 39 anni, è stato scrittore e poeta. 

- Venerdì 12: Sogno, Cesare Pavese.
Una poesia dello scrittore, poeta, saggista, traduttore e critico letterario, che fu il mentore di Fernanda Pivano.




martedì 9 maggio 2017

Il rogo dei libri a WikiRadio Oggi



Bücherverbrennungen (in italiano, roghi di libri) erano grandi falò organizzati dai Nazisti per eliminare tutti quei libri che non erano conformi all'ideologia dell'epoca.

Il più grande si tenne a Berlino il 10 maggio 1933: quello stesso giorno  il gerarca nazista Joseph Goebbels tenne anche un discorso, affermando che i roghi erano un ottimo modo "per eliminare con le fiamme lo spirito maligno del passato".
Il rogo era organizzato da studenti e vennero dati alle fiamme più di 25.000 libri: così iniziò, di fatto, la censura di Stato. 

Dei Bücherverbrennungen si parla nel romanzo "Storia di una ladra di libri"; (qui la recensione) in quel caso, la piccola protagonista riesce a sottrarre un libro dal fuoco.

« Era una gioia appiccare il fuoco. Era una gioia speciale vedere le cose divorate, vederle annerite, diverse. Con la punta di ottone del tubo fra le mani, con quel grosso pitone che sputava il suo cherosene venefico sul mondo, il sangue gli martellava contro le tempie, e le sue mani diventavano le mani di non si sa quale direttore d'orchestra che suonasse tutte le sinfonie fiammeggianti, incendiarie, per far cadere tutti i cenci e le rovine carbonizzate della storia ».
Queste sono parole tratte dal romanzo "Fahrenheit 451", il romanzo del 1953 di Ray Bradbury ambientato in un futuro non precisato, in cui possedere libri è un reato e i pompieri anziché spegnere gli incendi, li appiccano. 

Del "rogo di libri" di Berlino parlerà la puntata di mercoledì 10 maggio di Wikiradio Oggi. 



Un secolo fa... Intervista a Piero Gros



Protagonista dell'intervista vintage di questa settimana è l'ex sciatore alpino Piero Gros, detto Pierino. Gros è anche dirigente e commentatore sportivo ed è stato uno dei protagonisti della Valanga azzurra, vincitore della Coppa del Mondo generale e della Coppa del Mondo di slalom gigante nel 1974, della medaglia d'oro di Sci alpino ai XII Giochi olimpici invernali Innsbruck 1976 (slalom speciale maschile) e di un argento e un bronzo iridati.

L'intervista va in onda: 

- martedì alle 18
- giovedì alle 10
- venerdì alle 14:30


lunedì 8 maggio 2017

Peppino Impastato a WikiRadio Oggi



Martedì 9 maggio alle ore 11:30 WikiRadio Oggi sarà dedicata a Peppino Impastato, il giovane giornalista e attivista politico di Cinisi ucciso dalla mafia nella notte tra l'8 e il 9 maggio 1978.

Aveva 30 anni, Peppino, e dai microfoni di "Radio Aut" sbeffeggiava i mafiosi di Cinisi. 

Nella notte tra l'8 e il 9 maggio 1978 Impastato venne rapito, picchiato, legato ai binari della ferrovia e poi fatto esplodere. La sua morte fu archiviato prima come incidente causato da un tentativo di atto terroristico, poi come suicidio. 
Se oggi Peppino è riconosciuto come vittima di mafia è soprattutto grazie al coraggio e alla determinazione di Felicia, sua madre, che non volle credere alle bugie che le raccontavano sul figlio; non si è mai arresa e ha avuto ragione: ha visto finire in carcere Badalamenti, che ordinò l'omicidio del figlio.


La morte del giovane attivista di Democrazia Proletaria, alla vigilia delle elezioni (a cui era candidato) passò però in secondo piano, poiché il 9 maggio 1978 venne ritrovato il cadavere di Aldo Moro. 

Oggi Peppino è uno dei simboli della lotta alla mafia e il suo ricordo è più forte che mai: ogni anno, nell'anniversario della sua morte, migliaia di persone provenienti da tutta Italia si riuniscono a Cinisi. 


A far conoscere al grande pubblico la storia del ragazzo di Cinisi che lottava contro la distruzione della sua terra è stato, nel 2000, il film "I cento passi" di Marco Tullio Giordana, con Luigi Lo Cascio nei panni di Peppino.

I mestieri nella nuova puntata di "Dal fonografo al microsolco"



Io so i colori dei mestieri:
sono bianchi i panettieri,
s'alzano prima degli uccelli
e han la farina nei capelli;
sono neri gli spazzacamini,
di sette colori son gli imbianchini;
gli operai dell'officina
hanno una bella tuta azzurrina,
hanno le mani sporche di grasso:
i fannulloni vanno a spasso,
non si sporcano nemmeno un dito,
ma il loro mestiere non è pulito.
(Gianni Rodari)

Proponiamo questa filastrocca di Gianni Rodari per presentarvi il tema della prossima puntata di "Dal fonografo al microsolco": i mestieri. 
Dallo "Spazzacamino" di Tajoli, alla "Filanda" di Milva, Massimo Baldino e Sandro Alba ci accompagnano in questo viaggio alla scoperta di mestieri antichi e nuovi; infatti arriveremo fino ai giorni nostri, con il "Portiere di notte" di Enrico Ruggeri e la ragazza dell'"Autogrill" di Francesco Guccini.

Vi aspettiamo:

- martedì alle 10
- mercoledì alle 14:30
- giovedì alle 18
- venerdì alle 21



domenica 7 maggio 2017

"Tavolozza musicale", una nuova trasmissione a cura di Enzo Giannelli e Simone Calomino

Inizia una nuova trasmissione, curata e condotta da Enzo Giannelli Simone Calomino, dal titolo "Tavolozza musicale".
La nuova coppia di Radio Il Discobolo ci farà ascoltare musica di ogni genere e di ogni tonalità, spaziando tra i decenni, fino agli anni '60 e '70.

La trasmissione andrà in onda:

- lunedì alle 10
- martedì alle 14:30
- mercoledì alle 18
- giovedì alle 21

www.ildiscobolo.net
http://178.32.137.180:8555/stream

Wikiradio Oggi, Ernesto de Martino


Il 9 maggio 1965 moriva a Roma Ernesto de Martino: etnologo, antropologo, storico delle religioni, era nato a Napoli il 1° dicembre 1908.

Studioso, docente universitario, uomo impegnato politicamente (prima nel Partito Socialista, poi nel Partito Comunista), venne introdotto agli editori di Laterza da Benedetto Croce dopo la II Guerra Mondiale. 

Per conoscerlo meglio, vi invitiamo a seguire WikiRadio Oggi di lunedì 8 maggio, in onda alle 11:30.



Bisotti, De André e Cohen: i primi appuntamenti con "Randagio On The Air"



Ritorna, come ogni sera, l'appuntamento con Luca Fagioli e "Randagio on the air".

Ecco i primi appuntamenti della settimana:

- domenica 7: Ho bisogno di stare con te, di Massimo Bisotti.

- lunedì 8: La canzone dell'amore perduto, poesia-canzone del cantautore Fabrizio De André. 


- martedì 9: Il vero amore non lascia tracce, di Leonard Cohen. 

In quest'inizio di settimana, insomma, abbiamo un Luca Fagioli molto romantico! Vi aspettiamo ogni sera alle 22:50.

sabato 6 maggio 2017

La grande prosa, due appuntamenti



Questa settimana Radio Il Discobolo propone due diversi appuntamenti con la grande prosa.

- Domenica 7: La cantatrice calva, la prima opera teatrale di Eugène Ionesco. Composta nel 1950 e rappresentata per la prima volta nel corso dello stesso anno a Parigi, è il primo esempio del cosiddetto teatro dell'assurdo.
La versione che vi proponiamo è del 1972 ed è interpretata da Lea Padovani, Antonio Battistella e Paolo Panelli.

- Lunedì 8: Jacques o la sottomissione, commedia naturalistica di Eugène Ionesco, in una versione del 1971 con Ave Ninchi e T.Ricci.

I due programmi andranno in onda alle 21:00.

www.ildiscobolo.net
http://178.32.137.180:8555/stream

"Una giornata particolare" a WikiRadio Oggi



Il 6 maggio 1938 Adolf Hitler si recò in visita a Roma. 

In questo giorno è ambientato il film "Una giornata particolare", di Ettore Scola, che tra pochi mesi compirà 40 anni; è uscito nei cinema, infatti, il 12 agosto 1977.

In un caseggiato praticamente deserto sono rimasti Antonietta, casalinga, moglie di un fascista e madre di sei figli e Gabriele, ex radiocronista dell'Eiar ora disoccupata, interpretati da Sophia Loren e Marcello Mastroianni.
"Una giornata particolare", tra i film più famosi e amati di Scola, si svolge nel corso del pomeriggio di quel 6 maggio e all'interno del caseggiato.

Antonietta e Gabriele sono due persone sole; lei schiacciata dalle responsabilità, vessata da un marito-padrone, lui emarginato a causa della sua omosessualità. Si conoscono, si cercano, si sentono legati e attratti.
Ma la loro amicizia non può durare: lei deve tornare a essere vittima dell'uomo che ha sposato, lui andrà al confino.

Il film è stato selezionato tra i 100 film italiani da salvare. Ha avuto moltissime nomination a vari premi e ne ha ricevuti molti, tra cui due David di Donatello (miglior regia e miglior attrice protagonista).

Di questo autentico capolavoro del cinema italiano di tutti i tempi parlerà WikiRadio Oggi di domenica 7 maggio, in onda alle 11:30.



venerdì 5 maggio 2017

Una novità targata Giannelli-Calomino nella nuova settimana di Radio Il Discobolo



Nella nuova settimana di Radio Il Discobolo c'è una novità: arriva il programma "Tavolozza musicale. Colori e contrasti" ideata e condotta dall'inedita coppia Enzo Giannelli-Simone Calomino.

"Un secolo fa..." propone un'intervista all'ex sciatore alpino Piero Gros, vincitore della Coppa del Mondo generale e di Slalom nel 1974 e di 3 medaglie alle Olimpiadi di Innsbruck del 1976.

Per "La clessidra" ascolteremo l'ultima parte dell'intervista a Maria Giovanna Elmi.

Anna Frank, Peppino Impastato e Giorgiana Masi saranno alcuni degli argomenti trattati da WikiRadio Oggi.

Continuate a seguirci!