Il nostro sito

Il nostro sito
Per info o richieste musicali 380 2399151 (+39)

martedì 30 maggio 2017

Wikiradio Oggi, i prossimi appuntamenti



Vi presentiamo i prossimi appuntamenti con Wikiradio Oggi, in onda alle 11:30 tutti i giorni.

Mercoledì 31. Jacques Monod.
Biologo e filosofo francese, morto il 31 maggio del 1976, che fuvincitore del Premio Nobel per la medicina nel 1965. Ricevette numerose altre onorificenze e distinzioni, tra le quali la medaglia della Legion d'Onore. Ha inoltre partecipato alla resistenza francese al nazifascismo durante la seconda guerra mondiale.



Giovedì 1 giugno. Superman.
Il mitico super-eroe volante comparve per la prima volta nel giugno 1938.



Le interviste della settimana: Renato Pozzetto e Serena Garelli



Le interviste della settimana di Radio Il Discobolo.

Un secolo fa... Intervista a Renato Pozzetto.

- martedì alle 18
- giovedì alle 10
- venerdì alle 14:30

La clessidra a cura di Giacomo Schivo.
Intervista alla cantante lirica Serena Garelli.


- martedì alle 21
- venerdì alle 10
- sabato alle 14:30

www.ildiscobolo.net
http://178.32.137.180:8555/stream

lunedì 29 maggio 2017

Gran finale "mondiale" per Sandro Alba e Massimo Baldino



Con la puntata di "Dal fonografo al microsolco" di questa settimana Sandro Alba e Massimo Baldino salutano il pubblico di Radio Il Discobolo.

Dalla prossima settimana, infatti, riascolteremo alcune repliche della storica trasmissione. Tema della puntata è il mondo.
Tra le canzoni in scaletta, "Noi due nel mondo e nell'anima". 
E ovviamente, non può mancare "Il mondo", celeberrima canzone di Jimmy Fontana. 

Massimo e Sandro vi aspettano: 

- martedì alle 10
- mercoledì alle 14:30
- giovedì alle 18
- venerdì alle 21


sabato 27 maggio 2017

Luca Fagioli, una voce per le donne



Settimana tutta al femminile, per "Randagio on the air". 

Queste le letture dei prossimi giorni:

- Domenica 28: "Terra d'amore", di Alda Merini.

- Lunedì 29: "Sono piena di orgogliose ferite", poesia di Isabel Allende sugli amori che finiscono e gli amori che cominciano.

- Martedì 30: "Donna" di Marcela Serano.

Vi ricordiamo che Luca Fagioli vi aspetta ogni sera alle 22.50. 

Il grande teatro in radio: Sudermann e Beckett



Anche questa settimana nelle serate di domenica e lunedì (ore 21) trasmetteremo la grande prosa.

Domenica 28 andrà in onda "Casa paterna", dramma in quattro atti di Hermann Sudermann, scrittore e drammaturgo tedesco vissuto tra la fine dell'800 e i primi del '900. L'opera risale al 1907 e la ascolteremo in una versione del 1975 con Lilla Brignone.



Lunedì 29 , invece, trasmetteremo "Ceneri" di Samuel Beckett, radiodramma breve in atto unico scritto tra il 1958 e il 1959 per la BBC. La versione che trasmetteremo risale al 1960 ed è interpretata da Salvo Randone e Gian Carlo Dettori

 

Varietà Varietà: la scaletta



Monica Vitti, Carlo Dapporto, Gina Lollobrigida, Francesca Neri, Aroldo Tieri e Giuliana Lojodice, Romolo Valli, i cantanti  Marisa Sannia , Johnny Dorelli, Drupi, Adriano Celentano, Herbert Pagani, Rita Pavone e le orchestre dirette dai maestri Pippo Barzizza, Marcello de Martino, Fio Zanotti e Pino Calvi.



Ecco i protagonisti dell'appuntamento settimanale con "Varietà Varietà", la
trasmissione che ci riporta indietro nel tempo, con divertenti sketch e tanta bella musica.
Vi aspettiamo:

- domenica alle 10
- lunedì alle 18


WikiRadio Oggi, gli appuntamenti dei prossimi giorni



Vi presentiamo i primi appuntamenti della settimana con WikiRadio Oggi, in onda tutti i giorni alle 11:30.

Domenica 28: L'assassinio di Walter Tobagi.
Il 28 maggio del 1980 il giornalista e scrittore spoletino Walter Tobagi veniva ucciso a Milano da un gruppo terroristico di estrema sinistra (Brigata XXVIII Marzo). I terroristi gli spararono cinque colpi di pistola. 
Tobagi si occupava soprattutto di terrorismo, analizzando a fondo i vari gruppi, dalle Brigate Rosse a Prima Linea. Lavorava per il Corriere della Sera.


Lunedì 29: La strage di Piazza della Loggia.
Il 28 maggio 1974 a Brescia, in Piazza della Loggia, era in corso una manifestazione contro il terrorismo neofascista, indetta da sindacati e dal Comitato Antifascista. Alle ore 10:12 esplose una bomba che uccise in tutto 8 persone e ne ferì 102. Si parla di attentato di matrice neofascista, all’interno della strategia della tensione.



Martedì 30: La conquista dell'Everest
Il 29 maggio 1953 il neozelandese Edmund Hillary e il nepalese Tenzing Norgay sono i primi esseri umani a raggiungere la vetta dell'Everest, guidava la spedizione John Hunt.


giovedì 25 maggio 2017

Luca Fagioli "on the road"



La lettura della notte di oggi, giovedì 25 maggio, sarà tratta da "On the road" di Jack Kerouac, celebre scrittore e poeta statunitense, simbolo della Beat Generation. "On the road" è un romanzo autobiografico del 1951.

La grande letteratura statunitense sarà protagonista anche venerdì 26; Luca Fagioli infatti, proporrà "Oh capitano mio capitano", del poeta e scrittore Walt Whitman, risalente al 1865 e arrivata alla conoscenza del grande pubblico nel 1989 grazie al film "L'attimo fuggente". 

Sabato 27, infine, andrà in onda una poesia già trasmessa: "Il sogno di un uomo", di Charles Bukowski. 

"Randagio on the air" vi aspetta ogni sera alle 22:50.

"Cinema e migranti". Una rassegna al cinema Kino di Roma



Dal 26 al 28 maggio si svolgerà presso il cinema KINO di Roma (via Perugia 34) la seconda edizione della rassegna REMIX, evento che intende coniugare racconto cinematografico e approccio scientifico per affrontare la sfaccettata realtà delle migrazioni e della convivenza. Il progetto è realizzato dal cinema nel quartiere Pigneto, dal DSU (Dipartimento Scienze Umane e Sociali, Patrimonio Culturale) e dall’ILIESI – Istituto per il Lessico Intellettuale Europeo e Storia delle Idee del CNR. 
Tre le opere attorno alle quali ruotano proiezioni e incontri della rassegna: I Migrati, diretto da Francesco Paolucci, lo spagnolo En tierra extraña di Icíar Bollaín eSponde, Nel sicuro sole del nord, diretto da Irene Dionisio.

Tre documentari che raccontano la percezione – e il vissuto – delle migrazioni da parte di persone comuni e si tramutano in tre occasioni di riflessione sui temi del viaggio e della mobilità umana. Un approccio che racconta i sentimenti e le scelte di vita, senza false retoriche. “Perché una cultura delle migrazioni –sottolinea Maria Eugenia Cadeddu si costruisce non solo con studi e dati, ma anche attraverso il racconto di storie, incontri, esperienze di quotidiana convivenza”. Ogni proiezione sarà accompagnata da un incontro fra autori dei documentari ed esperti. In questa edizione della rassegna si segnala in particolare l’autorevole presenza di Daniela Di Capua, Direttore del Servizio Centrale SPRAR (Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati).

Venerdì 26 maggio, alle ore 20.30 la proiezione de I Migrati, diretto da Francesco Paolucci e a seguire incontro con il regista e con Daniela Di Capua, Direttore del Servizio Centrale SPRAR. Ore 22.30, seconda proiezione. Prodotto dalla “Comunità XXIV luglio – handicappati e non” de L'Aquila, il documentario racconta il viaggio di quattro ospiti della comunità, divenuti giornalisti per l’occasione, nei paesi dell’Appennino che accolgono richiedenti asilo e rifugiati. Attraverso interviste ai migranti e agli abitanti dei luoghi visitati, discussioni e riflessioni, il risultato è un’Italia differente da quella spesso descritta dai media.

Sabato 27 maggio, sempre alle ore 20.30 e alle 22.30, proiezione del documentario spagnolo En tierra extraña, di Icíar Bollaín, che sarà discusso in sala da Iris Martín Peralta, direttore del Festival del Cinema Spagnolo, e da Maria Eugenia Cadeddu, ricercatore CNR-ILIESI. Il documentario presenta la storia di Gloria e di altri spagnoli emigrati a Edimburgo per sfuggire alla crisi economica e costruirsi una vita migliore. Attraverso la simbologia di un guanto perduto e l’opera d’arte collettiva Ni perdidos, ni callados, gli spagnoli intervistati raccontano in modo originale la loro condizione di migranti, emblematica dei flussi migratori interni all’Europa.


Ultimo appuntamento della rassegna domenica 28 maggio, alle ore 20.30 e 22.30, con la proiezione del documentario Sponde. Nel sicuro sole del nord, diretto da Irene Dionisio, che sarà presente in sala per discutere con Michele Colucci, ricercatore CNR-ISSM. A Lampedusa, Vincenzo, custode (in pensione) del cimitero, si preoccupa di seppellire i migranti vittime dei naufragi, nonostante le critiche per l’uso della croce in tombe destinate a persone non di fede cattolica. A Zarzis, in Tunisia, il postino Mohsen Lidhabi raccoglie indumenti e oggetti restituiti dal mare alla terra, a seguito di naufragi. Fra i due inizia una singolare corrispondenza.


Il cinema Kino ha creato negli anni un marchio riconosciuto nella diffusione del cinema di qualità a livello nazionale ed europeo. Il DSU è istituzione di riferimento nei migration studies e diversi Istituti ad esso afferenti sono impegnati in progetti di ricerca sulle migrazioni, promossi anche dal Ministero dell’Interno e dal Ministero del Lavoro. La rassegna Remix rientra in un progetto di collaborazione incentrato sulla relazione tra fenomeni migratori e loro rappresentazione audiovisiva, al fine di esaminare i modi in cui tali fenomeni sono narrati nella contemporaneità.


Consulenza scientifica CNR Maria Eugenia Cadeddu

Coordinamento e gestione CNR Rosanna Godi

Coordinamento generale Claudia Pecoraro




mercoledì 24 maggio 2017

Al via a breve il FIM di Erba



ERBA- Si svolgerà a Lariofiere di Erba (Como), dal 26 al 28 maggio, il FIM 2017, Festival Internazionale della Musica.

Alla manifestazione, a cui parteciperanno grossi nomi della musica internazionale,  sarà presente anche il cantante spezzino Francesco Tartarini, (che avevamo intervistato tempo fa) in gara con “Fuori controllo”. 
Il video del brano (scritto in coppia con Paolo Meneghini), è stato diretto da Daniele Ceccarini e Mario Molinari e prodotto da Paola Settimini.

Fuori controllo” fa parte dell’EP “Panacea“

Per sostenere il progetto di Francesco Tartarini: www.produzionidalbasso.com


Wikiradio Oggi, gli ultimi appuntamenti della settimana



Gli ultimi appuntamenti della settimana con WikiRadio Oggi.

Giovedì 25: Elio Pagliarani.
Nato a Viserba il 25 maggio 1927 e morto a Roma l'8 marzo 2012, è stato poeta e critico teatrale. 


Venerdì 26: Guerre Stellari.

La saga di Guerre stellari è stata creata da George Lucas e scritta nei primi anni Settanta. La prima trilogia, uscita tra la fine degli anni '70 e i primi '80, è composta da: 
Una nuova speranza, uscito negli Stati Uniti il 25 maggio 1977
L'Impero colpisce ancora, uscito il 21 maggio 1980,
Il ritorno dello Jedi, uscito il 25 maggio 1983


Sabato 27: La tessera Fascista.
Il 27 maggio 1933 il Consiglio dei ministri riconosce la tessera del Partito Nazionale Fascista come requisito per l’ammissione ai concorsi per gli impieghi pubblici.


Vi ricordiamo che Wikiradio Oggi va in onda ogni giorno alle 11:30.

martedì 23 maggio 2017

"Randagio on the air", verso la notte di "Radio Il Discobolo"



"Randagio on the air", i prossimi appuntamenti.

Martedì 23: "Il bacio della buonanotte..."

Mercoledì 24: "Il vino dell'assassino", poesia del "maledetto" Charles Baudelaire.

Luca Fagioli vi aspetta, come sempre, ogni sera alle 22:50. 

www.ildiscobolo.net
http://178.32.137.180:8555/stream

lunedì 22 maggio 2017

Il fonografo, il microsolco e... l'acqua



La nuova puntata di "Dal fonografo al microsolco" è dedicata all'acqua. 

Tra le canzoni che Sandro Alba e Massimo Baldino ci faranno ascoltare, troviamo "Acquerello napoletano", "Due gocce d'acqua" di Nilla Pizzi e "Acqua di mare" di Romina Power.

Vi aspettiamo... gira voce che a qualcuno toccherà anche un gavettone... (ma forse sono solo battute).

La trasmissione va in onda:

- martedì alle 10
- mercoledì alle 14:30
- giovedì alle 18
- venerdì alle 21



domenica 21 maggio 2017

Beppe Montagna ospite di Giacomo Schivo




L'ospite di Giacomo Schivo, nella sua "Clessidra", è il fisarmonicista Beppe Montagna. 



La trasmissione va in onda:

- lunedì alle 18
- martedì alle 21
- venerdì alle 10
- sabato alle 14:30

www.ildiscobolo.net
http://178.32.137.180:8555/stream

Gibran e Rimbaud nella notte di Radio Il Discobolo



[...] se sbocciasse un fiore ogni volta che ti penso,
ogni deserto ne sarebbe pieno... [...] 


Sono versi di "Ti amo terribilmente", la poesia di Kahil Gibran che verrà letta questa sera, domenica 21, dal "Randagio on the air" Luca Fagioli.

"Alba", di Arthur Rimbaud, è invece la lettura di lunedì 22.


"Randagio On The Air" vi aspetta alle 22:50.

sabato 20 maggio 2017

La grande prosa: La signora delle camelie



"La signora delle camelie", di Alexandre Dumas figlio è l'opera che andrà in onda questa settimana, domenica e lunedì alle 21.

Nato come romanzo, edito nel 1848, ha ispirato diverse opere cinematografiche e l'opera "La Traviata" di Giuseppe Verdi. 
Il libro parla della difficile e infelice storia d'amore tra Margherita, la cortigiana più bella di Parigi, e Armando Duval.

La versione che verrà trasmessa è del 1960 ed è interpretata da Lilla Brignone, Romolo Valli e Giulio Borsetti. 

www.ildiscobolo.net


Varietà varietà, riascolteremo i Marcellos Ferial

Paolo Panelli, Sandra Mondaini e Raimondo Vianello, Renato Rascel, Aldo e Carlo Giuffrè,Rina Morelli e Paolo Stoppa; Dalida, Massimo Ranieri, Fred Bongusto, Carmen Villani, Mal, I Marcellos’ ferial; le orchestre dirette dai maestri Pippo Barzizza e Marcello de Martino.

Questi i protagonisti della nuova puntata di Varietà Varietà. 


La trasmissione va in onda:

- domenica alle 10
- sabato alle 18

WikiRadio Oggi, gli appuntamenti della settimana



Wikiradio oggi, gli appuntamenti dei primi giorni della nuova settimana. 
Vi aspettiamo ogni giorno alle 11:30.

Domenica 21: L'attentato alla Pietà. 
Il 21 maggio 1972 il geologo australiano di origine ungherese Lazlo Toth colpì ripetutamente la "Pietà" di Michelangelo a martellate. L'uomo, alle 11:30 del mattino, prese a martellate la statua della Madonna, lasciando intatto il Cristo, urlando "Io sono Cristo". Venne internato in manicomio per due anni e in seguito rimpatriato in Australia, dove morì nel 2012 all'età di 63 anni.

Lunedì 22: Don Andrea Gallo.
Il prete di strada, grande amico di Fabrizio de André e Nanda Pivano, morì il 22 maggio 2013, dopo una vita passata accanto agli ultimi, ai reietti e agli emarginati. 


Martedì 23: Andrea Pazienza.
Il celebre pittore e fumettista nacque a San Benedetto del Tronto il 23 maggio 1956 e morì a Montepulciano il 16 giugno 1988. 


Mercoledì 24: Il ponte di Brooklin.
Uno dei ponti più famosi al mondo: venne inaugurato il 24 maggio 1883, dopo 13 anni di lavori. 

www.ildiscobolo.net
http://178.32.137.180:8555/stream

La strage di Debra Libanos a Wikiradio Oggi

(Foto Owen Barder)

Sabato 20 maggio alle 11:30, Wikiradio Oggi: la strage di Debra Libanos.

Ricorderemo la strage di monaci e laici etiopi del 21 maggio 1937; l'attacco fu ordinato dal vicerè Rodolfo Graziani, in seguito a un attentato contro di lui.
Secondo i telegrammi inviati a Mussolini furono uccisi 297 monaci e 23 laici, ma dati non ufficiali parlano di migliaia di vittime.

www.ildiscobolo.net
http://178.32.137.180:8555/stream

giovedì 18 maggio 2017

Randagio On The Air, i prossimi appuntamenti



Arriva alla sera tardi e ci accompagna verso la notte con la sua voce... è il nostro Luca Fagioli con la sua "Randagio on the air"... vediamo le prossime letture.

Giovedì 18: "La forza dell'amore" di Eugenio Finardi.

Venerdì 19: "Le cose che ho imparato", poesia di Paulo Cohelo

Sabato 20: "Parole orfane"

"Randagio on the air" va in onda ogni sera alle 22:50



mercoledì 17 maggio 2017

WikiRadio Oggi, Ian Curtis e Leopoldo Fregoli



I prossimi appuntamenti con WikiRadio Oggi, in onda ogni giorno alle 11:30.

Giovedì 18: Ian Curtis.
Ian Kevin Curtis, cantautore britannico, paroliere del gruppo musicale Joy Division, di cui nel 1977 a Manchester fu anche uno dei fondatori, morì suicida il 18 maggio 1980 all'età di 24 anni.


Venerdì 19: Leopoldo Fregoli 
Attore, sceneggiatore, regista, ma soprattutto trasformista: stiamo parlando di Leopoldo Fregoli (1867-1936), artista famoso per la sua abilità nel trasformarsi in vari personaggi durante i suoi spettacoli. Per lui è stato coniato il termine fregolismo ed è addirittura citato in una malattia psichiatrica: si parla di sindrome di Fregoli riferendosi al delirio di persecuzione da parte di un individuo che, ogni volta, appare con una fisionomia diversa.

martedì 16 maggio 2017

Jean Gabin a WikiRadio Oggi




Jean Gabin sarà il protagonista della puntata di Wikiradio Oggi in onda mercoledì 17 maggio alle 11:30.

Nato il 17 maggio 1904 e morto il 15 novembre 1976, Jean Gabin è stato uno degli attori più rappresentativi della storia del cinema francese. 
Proveniva dal teatro e dall'operetta ed è stato un grande rappresentante della scuola realista. 





lunedì 15 maggio 2017

Randagio On The Air, nuove letture a cura di Luca Fagioli



Vi presentiamo i prossimi appuntamenti con le letture notturne di Luca Fagioli per la trasmissione "Randagio On The Air", in onda ogni sera alle 22:50.

Martedì 16: "Ninna nanna" di Trilussa.
La celebre filastrocca contro la guerra è stata messa in musica da Claudio Baglioni.


Mercoledì 17: "Quando tu sarai vecchia", di William Butler Yeats, poeta e drammaturgo irlandese, Premio Nobel per la Letteratura nel 1923.


Pausa caffè... con WikiRadio Oggi



La macchina del caffè è un oggetto di uso comune, al giorno d'oggi.
Sono moltissimi gli italiani che la preferiscono alla moka e ve ne sono di tutti i tipi e colori.

Ma quando è nata?
Il 16 maggio 1884, a Torino: viene brevettata da Angelo Moriondo. 

Ne parlerà WikiRadio Oggi di martedì 16 alle 11:30.



Severino Gazzelloni a "Un secolo fa"



Il musicista italiano Severino Gazzelloni, nato nel 1919 e scomparso nel 1992, è il protagonista dell'intervista di "Un secolo fa...".

Laziale di Roccasecca, figlio di un musicista, ha iniziato suonando nella banda del paese. Si diploma nel 1942 all'Accademia di Santa Cecilia e, in seguito, entra nell'orchestra sinfonica della Rai di Roma. 

Riusciva a spaziare dalla musica classica a quella leggera e popolare: dotato di grande abilità e versatilità, è stato soprannominato "flauto d'oro". 

L'intervista andrà in onda:

- martedì alle 18
- giovedì alle 10
- venerdì alle 14:30

www.ildiscobolo.net
http://178.32.137.180:8555/stream

Dal fonografo al microsolco, un ricordo di Mino Reitano



Nella puntata di questa settimana di "Dal fonografo al microsolco" ascolteremo alcuni dei dischi aggiunti più recentemente nel nostro archivio tra cui "Viole" di Dea Garbaccio, "Un'ora sola ti vorrei" nella suggestiva versione di Piero Pavesio; e ancora, a proposito di brani di successo, "Arcobaleno" nell'interpretazione di Laura Barbieri... e non finisce qui! Abbiamo, infatti, una singolare versione di "Besame mucho" con Pippo Starnazza e, al termine, un bel ricordo di Mino Reitano.

Massimo Baldino e Sandro Alba vi aspettano:

- martedì alle 10
- mercoledì alle 14:30
- giovedì alle 18
- venerdì alle 21


domenica 14 maggio 2017

Veronica Seriani ospite di Giacomo Schivo



Veronica Seriani questa settimana sarà ospite di Giacomo Schivo per la trasmissione "La clessidra".

Cantante, speaker radiofonica e conduttrice televisiva, è la cantante ufficiale dell'orchestra di Beppe Montagna.




- Lunedì alle 18
- Martedì alle 21
- Venerdì alle 10
- Sabato alle 14:30

www.ildiscobolo.net
http://178.32.137.180:8555/stream

Randagio On The Air, Garcia Lorca e Pessoa



Domenica 14: Ci sono anime, Federico Garcia Lorca.
Una poesia del 1920 dell'autore spagnolo, uno degli appartenenti alla generazione del '27.
Si schiera a favore delle forze repubblicane e probabilmente per questo viene ucciso da nazionalisti franchisti nel 1936.

Lunedì 15: Asilo dentro di me, Fernando Pessoa.


Tutto questo a "Randagio on the air", a cura di Luca Fagioli, in onda alle 22:50.


sabato 13 maggio 2017

Varietà Varietà, la nuova settimana



Ugo Tognazzi, Renato Rascel, Delia Scala, Rina Morelli, Giuliana Lojodice, Aroldo Tieri, Nino Manfredi, Walter Chiari e Alida Chelli; Fausto Leali, Roberto Soffici, Gianni Nazzaro, Gli Abba, Domenico Modugno, Neil Sedaka e le orchestre dirette dai maestri Pippo Barzizza e Marcello de Martino sono i protagonisti della nuova puntata di Varietà Varietà.

Collage di sketch e brani musicali del secolo scorso, Varietà Varietà è una bella occasione per riascoltare protagonisti dei tempi passati, passando del tempo tra sorrisi e malinconia. 
Vi aspetta:

- domenica alle 10
- sabato alle 18

La grande prosa: Ionesco e Pirandello

Domenica e lunedì alle 21 va in onda la grande prosa sulle frequenze di Radio Il Discobolo. 



Domenica 14 vi proponiamo "Sicario senza paga", commedia in tre atti di Eugène Ionesco degli anni Sessanta. La versione proposta è del 1971 ed è interpretata da Giulio Bosetti e Giulia Lazzarini.

Lunedì 15 trasmetteremo "La giara", commedia di Luigi Pirandello in atto unico, ripresa nel 1916 da una novella omonima scritta 10 anni prima. La trasmettiamo in una versione del 1965, con protagonisti Turi Ferro e Umberto Spadaro. 

WikiRadio Oggi, il Piccolo Teatro e Rita Hayworth



I prossimi appuntamenti con WikiRadio Oggi, in onda ogni giorno alle 11:30.

Domenica 14: Il Piccolo Teatro di Milano.
Il primo Teatro Stabile italiano, dichiarato nel 1991 Teatro d'Europa per Decreto Ministeriale, venne costruito nel secondo dopoguerra e inaugurato il 14 maggio 1947 con L'albergo dei poveri di Maksim Gor'kij.

Lunedì 15: Rita Hayworth.
Margarita Carmen Cansino, cantante, attrice e ballerina statunitense, morì il 14 maggio 1987 all'età di 69 anni. 


giovedì 11 maggio 2017

L'assassinio di Giorgiana Masi a Wikiradio Oggi

(Giorgiana Masi, foto del documento d'identità)

Il 12 maggio 1977 venne uccisa, durante una manifestazione di piazza, la studentessa diciottenne Giorgiana Masi.

Erano quasi le 20 quando la ragazza, assieme al fidanzato, si trovava in Piazza Giuseppe Gioachino Belli. A seguito di una manifestazione (pacifica) organizzata dal Partito Radicale, erano scoppiati violenti scontri tra le forze dell'ordine e i manifestanti, a cui si erano aggiunti membri della sinistra extraparlamentare.
Giorgiana venne improvvisamente colpita all'addome da un proiettile: inutile la corsa in Ospedale.

Due le ipotesi: "fuoco amico" (come sostenuto da Francesco Cossiga, all'epoca Ministro dell'Interno) oppure forze dell'ordine in borghese. 
La verità non è mai venuta fuori anche se anni dopo la morte della studentessa Francesco Cossiga dichiarò che era a conoscenza di chi avesse ucciso la Masi, ma di non volerlo dire pubblicamente. 

Ogni anno, il 12 maggio, Giorgiana  viene ricordata con manifestazioni; a 40 anni dalla morte, la giovane sarà ricordata anche da Wikiradio Oggi venerdì 12 alle 11:30.


"Anna Magnani. Un'attrice dai mille volti tra Roma e Hollywood". Un libro di Barbara Rossi

(Foto inlomitrust)

Barbara Rossi, appassionata di cinema, docente, ha scritto un libro su  Anna Magnani, concentrandosi soprattutto sul breve periodo hollywoodiano dell'attrice italiana.

Intervista (a cura di Claudia Bertanza)

- Perché un libro sulla Magnani?
- Il mio amore per l'attrice è nato parecchi anni fa, da ragazzina, grazie a un nonno che amava molto il cinema e con il quale guardavo moltissimi film, principalmente western, ma non solo, anche le commedie italiane degli anni Cinquanta. E ho iniziato lì ad amare Anna Magnani; è stato prima di tutto un fatto emotivo, istintivo. Mi piaceva quest'attrice, mi piaceva come era pettinata, mi piaceva come si muoveva... Poi sono cresciuta e ho iniziato a vedere altri film, come "Roma città aperta" o "Bellissima" e ho voluto cercare di capire che attrice sia stata, al di là dei moltissimi ruoli che ha interpretato. E soprattutto ho voluto saperne di più sul periodo americano, che è poco raccontato, ma che invece è ricco di aneddoti interessanti. Il mio libro vuole essere un punto di partenza, uno spunto per capire come mai a un certo punto un'attrice così amata ha deciso di lasciare l'Italia. E lì, in quei pochi film (tre in tutto) stanno le risposte, c'è una Magnani diversa da quella che avevamo conosciuto in Italia (la popolana, la mamma...).

- Perché la Magnani decide, a un certo punto, di andare in America?
- Perché si sentiva costretta nei soliti ruoli che le offrivano, come quello della mamma. Le sue, però, erano sempre maternità tragiche, non risolte. Anna voleva mostrare un volto diverso, ricoprire altri ruoli... e questo, forse, le è riuscito solo in parte. Altro ruolo stereotipato era quello della popolana, con il quale tutti noi la abbiamo amata e che la caratterizza ancora, anche come donna, nonostante lei non fosse così: ci teneva a dire che aveva studiato, frequentato il Conservatorio, la scuola di recitazione. Ed era una persona colta, le piaceva leggere, informarsi.

- Il periodo americano, però, è durato poco. Perché?
- Prima di tutto, bisogna ricordare che lei non è mai stata "americana" fino in fondo. In questo periodo, durato 4-5 anni, lei andava e veniva, non si è mai ambientata completamente nella realtà americana, anche per i ritmi di lavoro. Lei aveva ritmi più lenti, più rilassati, non era fatta per stare sul set secondo gli orari americani. Per quanto riguarda i ruoli, lei diceva che l'unica volta in cui, sul set, si era sentita libera, non costretta, era stato nel primo film girato, "La rosa tatuata", di Mann, per il quale, prima attrice italiana, vinse l'Oscar. In seguito si trovò nuovamente costretta in ruoli stereotipati, come quello della migrante. Non è riuscita, alla fine, a dare di sé un'immagine diversa. 

- Secondo te, la Magnani poteva dare di più? 
Secondo me sì, sicuramente. Il mondo del cinema, a un certo punto, l'aveva messa su un piedistallo, la adorava, ma la voleva solo nei ruoli già detti. Poteva dare di più sia in Italia, sia in America, se solo fosse stata lasciata più libera di esprimersi. Secondo me la Magnani non è stata solo una grande artista di teatro e di cinema, io penso sia stata veramente un'artista completa. Mi ha colpito molto leggere un'intervista rilasciata in America dopo il successo del film "La rosa tatuata", in cui lei afferma che le sarebbe piaciuto fare la regista. Aveva un grosso senso dello spettacolo, conosceva tutti i meccanismi. Per farsi un'idea di questo basta leggere i fitto carteggi tra l'attrice, i registi e i produttori, in cui lei dà consigli sul montaggio delle scene, per esempio, perché sapeva come avrebbe funzionato una scena, quanto fossero diversi teatro e cinema. E sappiamo che si arrabbiò molto quando i suoi consigli furono ignorati. 

- Chissà cosa avrebbe fatto, come regista...
- Domanda interessante, l'ho pensato anch'io... chissà cosa avrebbe fatto? Resta purtroppo un vuoto. 

- Oltre ad aver spulciato gli archivi, hai anche incontrato le persone che hanno conosciuto la Magnani?
- Sì, ho incontrato Luca, l'amatissimo figlio di anna. Luca è una persona molto riservata, così come lo era la mamma e vorrebbe che si parlasse più della Magnani attrice e meno della Magnani donna, che è stata spesso al centro di quello che oggi chiameremmo "gossip", per i suoi amori tormentati. 

- Hai un film del cuore di Anna Magnani?
- Sono molto legata al terzo film della sua avventura americana, "Pelle di serpente" di Sidney Lumet, in cui lei recita accanto a Marlon Brando. I due non andavano d'accordo, ma furono legati da reciproca stima fino alla fine. Poi, ovviamente, ho sempre nel cuore, come tutti gli italiani, quella corsa dietro alla camionetta in "Roma città aperta". 

La presentazione di sabato 6 maggio alla libreria "LIBeRI TUTTI", La Spezia.